Caduta dei capelli occasionale: alimentazione e prevenzione

Caduta dei capelli occasionale: alimentazione e prevenzione

La caduta “occasionale” è causata dal passaggio repentino dei capelli dalla fase di Anagen a quella di Telogen che determina una caduta più o meno abbondante, ma temporanea e reversibile (Effluvio).

La caduta di alcune centinaia, talvolta migliaia, di capelli al giorno definisce il fenomeno dell’effluvio, evento impressionante, spesso fonte di ansia e disperazione, ma generalmente benigno, autolimitato e reversibile, senza mai vera involuzione del pelo verso uno stato “patologico”.

L’effluvio è comunissimo, tanto che possiamo affermare che non esista persona che non lo abbia sperimentato almeno una volta nella vita. Il diradamento si manifesta in modo diffuso su tutto il cuoio capelluto. Può avere diverse cause: stress acuti fisici o psicologici, assunzione di farmaci, alimentazione, stile di vita, parto e allattamento, interventi chirurgici, stati febbrili ecc.

I fattori scatenanti, come abbiamo visto, possono essere molteplici. Quindi un approccio terapeutico efficace sarà possibile, solo ed esclusivamente, comprendendo  le cause responsabili della caduta dei capelli. In questa delicata fase un aiuto fondamentale ci viene dato dal nostro dermatologo di fiducia o dal farmacista che potranno dispensarci utili consigli.

L’alimentazione, la nostra arma vincente.

Ormai da decenni è dimostrato ciò che da sempre si era intuito, cioè che esiste un diretto rapporto fra stato nutrizionale e stato di salute di capelli e unghie.

E’ importantissimo assumere direttamente con la dieta tutte le sostanze che vi possono aiutare, allora ecco cosa dovete privilegiare. Tanta frutta e tanta verdura, e in particolare via libera a uva, melograno, mirtilli, agrumi, vegetali a foglia verde, broccoli e cavolfiori, carote e pomodori…E poi, siccome avete bisogno di tante vitamine del gruppo B, C ed E e minerali come rame, zinco, ferro, vi servono lievito di birra, latticini, uova, legumi, cereali integrali, frutta secca, frutti di mare, fegato, molluschi e pesce azzurro, yogurt, olio d’oliva.

Per prevenire la caduta dei capelli, o meglio, per accellerarne la ricrescita , dobbiamo puntare sulla giusta alimentazione ed, eventualmente, l’uso di buoni integratori. In farmacia ne trovate diversi.

Sono costituiti da compresse o capsule o lozioni ad uso topico ricche di sostanze naturali, vitamine e minerali che rinforzano il capello e aiutano a combattere i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento della pelle (e quindi, anche del cuoio capelluto).

Per ottenere dei risultati questi trattamenti vanno fatti per periodi di tempo più o meno lunghi (almeno 2-3 mesi). Il nostro consiglio è quello di iniziare in maniera preventiva prima di entrare nella fase clou della caduta. Ad esempio per prevenire o ridurre la caduta stagionale (marzo-aprile e ottobre-novembre) sarebbe opportuno iniziare il trattamento almeno un mese prima, diciamo febbraio e settembre per ottenere dei migliori risultati. Lo stesso discorso vale andando incontro ad un periodo particolarmente impegnativo che potrebbe portarci ad un accumulo di stress.

Conclusioni

La prevenzione è la nostra miglior arma di difesa. Affrontare il problema prima che esso stesso si manifesti, di certo, ci pone in una posizione di vantaggio.

Sembrerà banale e scontato, ma anche per i capelli prevenire è meglio che curare!

(articolo a cura del Dott. Domenico Settembrini, AD Sebovit S.r.l.)

Pubblicato il:

    Articoli correlati