Periodo castagne e capelli

Periodo castagne e capelli

Periodo castagne e perdita dei capelli: come mai in autunno la percentuale di capelli che perdiamo giornalmente è maggiore?

Il periodo castagne e capelli: per due italiani su cinque la prospettiva di perdere i capelli fa più paura di ingrassare.

Nonostante le preoccupazioni, i dati parlano chiaro: 6 italiani su 10 sono colpiti dalla perdita di capelli. Dietro alla perdita precoce di capelli vi possono essere diversi fattori, tra questi malattie, predisposizione genetica, una dieta scorretta, lo stress ed il cambio stagionale.

Periodo castagne come affrontarlo

Perché proprio durante questo periodo, si accentua la caduta di capelli?

Secondo gli esperti si tratta di un fenomeno fisiologico molto semplice, che dipende:

  • dallo stress post-estate
  • dalla variazione delle ore di luce nell’arco della giornata

Il problema, che si protrae fino alla fine di novembre, riguarda sia uomini che donne, vecchi e giovani.

L’aumento della caduta che si registra in media è di circa il 20% – 30% di capelli in più rispetto al resto dell’anno e lo conferma uno studio dell’IHRF, la Fondazione di ricerca per la patologia sui capelli.

Su 500 pazienti intervistati in tutta Italia da esperti dermatologi:

  • il 59% ha riscontrato un’ aumento della caduta dei capelli
  • il 30% li trova più sottili e sfibrati
  • l’11% non ha rilevato nessun cambiamento particolare.

Le donne sono quelle che soffrono di più di questo disturbo rispetto agli uomini.

Ma come si può prevenire e curare il problema?

  • ricorre a trattamenti nutritivi
  • utilizzare oli e lozioni che promuovono la stimolazione cellulare
  • fare impacchi e maschere che abbiano un effetto ristrutturante
  • curare l’alimentazione

Naturalmente soffre maggiormente, della caduta tipica del periodo castagne, chi ha i capelli lunghi: perché alla perdita stagionale si aggiunge la tradizionale fragilità del capello lungo, che si spezza con maggiore facilità.

La caduta si può prevenire attraverso una buona alimentazione ricca di principi nutritivi e utilizzando prodotti che ristabiliscano le condizioni ideali dei capelli.

Può anche essere utile assumere degli integratori o trattare i capelli con delle lozioni che promuovano la stimolazione cellulare e quindi la formazione di capelli nuovi.

Se il fenomeno della caduta non si limita al cambio di stagione, ma prosegue anche negli altri periodi dell’anno, occorre rivolgersi a specialisti che consiglieranno gli opportuni esami tricologici.

Pubblicato il:

    Articoli correlati