Alopecia androgenetica femminile

Alopecia androgenetica femminile

L’alopecia androgenetica femminile interessa 4 milioni di italiane dopo i 50 anni. Come mai si presenta questa problematica?

L’alopecia androgenetica femminile consiste nella perdita di capelli localizzata o diffusa, causata dagli ormoni androgeni.

Dopo i 50 anni circa la metà degli uomini ed il 30% delle donne è affetto da problemi più o meno gravi di calvizie causati all’alopecia androgenetica.

L’alopecia androgenetica femminile, in alcuni casi, è meno grave rispetto alla forma con cui si manifesta nell’uomo, comportando però anche delle ripercussioni psicologiche, a causa di un danno alla propria immagine.

CAUSE ALOPECIA ANDROGENETICA FEMMINILE

La causa scatenante dell’alopecia androgenetica femminile è la presenza degli androgeni, che comportano la graduale trasformazione del capello terminale in pelo sottile, depigmentato e corto.

Altre cause sono:

  •  sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)
  •  l’enzima 5-alfa-reduttasi che agisce sul testosterone trasformandolo in diidrotestosterone, il vero responsabile dell’involuzione dei capelli e del conseguente diradamento.
  • corredo genetico
  • cambiamenti ormonali

L’alopecia-androgenetica-femminile si nota generalmente per la prima volta tra i 30 ed i 40 anni, ed interessa in modo particolare le zone dietro la linea fronto-temporale; inoltre le zone più colpite dall’alopecia conservano dei capelli miniaturizzati.

alopecia androgenetica femminile

Questa problematica si manifesta in tre fasi di gravità crescente, che interessa il diradamento nell’area del vertice ed in minor misura le zone parietali, risparmiando sempre una banda frontale di capelli.

Una diagnosi tempestiva è utile per arrestare il processo di involuzione dei follicoli, facendo riacquistare ai capelli l’originale struttura sana prima che il problema diventi irreversibile.

Cosa fare per arrestare la caduta?

Andate da uno specialista e sottoponetevi ad un tricogramma e ad una serie di analisi.

Gli approcci terapeutici per sconfiggere l’alopecia androgenetica femminile prevedono:

  • la somministrazione di farmaci per via topica (come minoxidil ed estrone solfato) e per via sistemica. Il secondo tipo di somministrazione è particolarmente indicato nelle donne affette anche dalla sindrome dell’ovaio policistico. Viene anche impiegato l’etinilestradiolo in associazione al ciproterone acetato.
Pubblicato il:

Articoli correlati